venerdì 17 agosto 2012

ST MARY AT LAMBETH

Adiacente a Lambeth Palace troviamo la parrocchia di St Mary at Lambeth che venne sconsacrata nel 1972 e venne trasformata qualche anno dopo in Museo di Storia del giardino, il nome venne poi trasformato poi in Garden Museum




La parrocchia venne ricostruita nel 1850, all'interno del suo giardino sono presenti le tombe di alcuni arcivescovi, tra cui Richard Bancroft, e dell'ammiraglio William Blight




All'interno del museo è possibile visionare una mostra sullo sviluppo della progettazione dei giardini e sugli antichi attrezzi da giardinaggio


Per ulteriori info clicca QUI


LAMBETH PALACE

Sulla riva sud del Tamigi, nel distretto di Lambeth troviamo la residenza ufficiale dell' Arcivescovo di Canterbury: Lambeth Palace



Il Lambeth Palace fu acquistato dall'Arcivescovo nel 1200, la parte più antica del Palazzo è la cappella, la Lollard Tower risalente al 1440, che conserva la testimonianza dell'utilizzo che ne venne fatto durante il XVII secolo: era una prigione, è ancora presente una portineria in stile Tudor costruita nel 1495 dal cardinale John Morton



L'albero di fico che si trova nel cortile del Palazzo si presume che sia cresciuto da un fiore di uno dei fichi bianco di Marsiglia piantati dal Cardinale Pole, le cui spoglie, nel 1558, rimasero per 40 giorni nel Palazzo dopo la sua morte  



Durante la Guerra civile inglese le truppe di Cromwell saccheggiarono la Sala Grande che venne poi ricostruita nel 1663 dall'arcivescovo William Juxon
La parte dell'edificio abitata oggi dall'Arcivescovo di Canterbury risale al 1834 e venne costruita da Edward Blore



Il Palazzo oggi è anche la sede della Lambeth Palace Libraryfu fondata nel 1610 come biblioteca pubblica dall'arcivescovo Richard Bancroft e contiene la principale raccolta di fonti sulla storia della Chiesa d'Inghilterra, comprendente archivi di arcivescovi e vescovi e relative documentazioni dei missionari anglicani nel mondo oltre a molte altre opere di carità, infine tra i numerosi volumi custoditi al suo interno troviamo anche materiale riguardante la storia dell'arte e dell'architettura