mercoledì 30 novembre 2011

ASSALTO ALL'AMBASCIATA BRITANNICA IN IRAN: RICHIAMATO IN PATRIA TUTTO IL PERSONALE

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, si è dichiarato “scioccato e indignato”, oggi a Busan, per l’attacco all’ambasciata britannica a Teheran da parte di un gruppo di manifestanti islamici.Decine di manifestanti hanno attaccato, occupato e saccheggiato ieri due sedi dell’ambasciata della Gran Bretagna a Teheran, portando alle stelle la tensione già altissima con i Paesi occidentali, in particolare sulla vicenda del dossier nucleare iraniano

I manifestanti, descritti come “studenti basidji” (milizie pro-regime) dagli organi di informazione ufficiali iraniani, sono penetrati per ben due volte nei locali dell’ambasciata situata nel centro di Teheran e hanno occupato per molte ore l’edificio dell’ex residenza britannica in un parco del nord della capitale: nel corso dell’assalto sono stati temporaneamente presi in ostaggio anche sei impiegati dell’ambasciata, riportando alla memoria la crisi degli ostaggi dell’ambasciata americana nel 1979

Le forze dell’ordine hanno cercato di ottenere che i dimostranti lasciassero i due siti, secondo i media locali, e la manifestazione si è conclusa a fine giornata, con numerosi danni materiali. E’ stata fissata per oggi una nuova riunione degli ambasciatori europei a Teheran per valutare l’accaduto, dopo l’attacco di ieri all’ambasciata britannica che stamane ha deciso di evacuare i suoi diplomatici. Tutto il personale, secondo quanto si e’ appreso, dovra’ lasciare l’Iran entro la giornata odierna. Un gruppo di dipendenti si trova già all’aeroporto della capitale iraniana in attesa di un volo per Dubai, ha riferito un diplomatico europeo



fonte: quotidiano.net
Appartamenti Londra Visita Londra e risparmia

Nessun commento:

Posta un commento